Un patrimonio prezioso

Quando si parla di una banca ormai si è soliti descriverla con una percentuale che rappresenta il suo patrimonio. Il numero che esprime la solidità patrimoniale della BCC di Pontassieve, il 17%, lo esponiamo con orgoglio nel nostro bilancio d’esercizio. Ma non si tratta per fortuna dell’unico patrimonio che abbiamo. Nel bilancio sociale diamo infatti una raffigurazione di capitali ancora più consistenti: il patrimonio di fiducia, ricevuta dai soci e dai clienti che ci supportano e restituita con i finanziamenti concessi e con i servizi qualificati di nostra competenza, nonché il patrimonio di attenzioni, relazioni ed azioni che una banca locale instaura ogni anno con la propria comunità. Ed è proprio la comunità locale la nostra ricchezza più grande. La comunità, o meglio, le comunità che vivono nel territorio in cui la banca opera che racchiudono insieme le persone e, con loro, le aziende, gli enti e le associazioni, che rendono vivo il territorio stesso, contribuiscono a formarne l’identità ed esprimono le sue capacità e le sue potenzialità.

La BCC di Pontassieve è, dal 1903, parte integrante di tutto questo e da centoquattordici anni ha con il proprio territorio quella che si dice una relazione circolare, ovvero genera il suo sviluppo e si solidifica grazie allo sviluppo del territorio stesso.
Sono questi i motivi della grande attenzione che ogni BCC dedica e deve continuare a dedicare al luogo dove ha le radici e dove svolge l’attività.
A piccola testimonianza di ciò, fin dagli anni ottanta nei bilanci della allora Cassa Rurale di Pontassieve era contenuta un’appendice statistica che voleva adempiere il compito di far conoscere meglio la società e l’economia locale.
Dal 2013 si è deciso di riprendere ed ampliare tale idea con questo documento biennale, il Noi.Info, che oggi giunge alla terza edizione. Si parla quindi di noi, del territorio che si estende dalla Valdisieve fino a Firenze. Sono numeri che vogliono fornire una piccola sintesi, uno spunto di riflessione, su alcune tematiche che raccontano di noi e che ci stanno a cuore. Siamo pertanto orgogliosi di dare, in questa pubblicazione, una rappresentazione del patrimonio, della ricchezza, del nostro territorio con le sue caratteristiche, le sue punte di eccellenza e sue le debolezze che, ci auguriamo, diventeranno domani un’opportunità. Sta a ognuno, nel proprio ruolo, conoscerle meglio per valorizzarle. Sta ai giovani farne tesoro di conoscenza. Sta a ciascuno di noi lavorare affinché questo patrimonio di persone, di fare e saper fare, di vitalità e di potenzialità, diventi sempre più solido, oltre che solidale, per essere motore di un futuro da affrontare tutti insieme.

Il Presidente
Matteo Spanò

Scarica "NOI@Info2017"